parallax background

Elle, che strano.

CFC
Giugno 5, 2019

Paul Verhoeven ha diretto questo film in maniera geniale, è riuscito a sfornare un genere thriller a tratti comico e a tratti grottesco che ti tiene incollato allo schermo.

Regista: Paul Verhoeven; Anno: 2016; Genere: drammatico, thriller; Durata: 130 min; Attori principali: Isabelle Huppert, Laurent Lafitte

* Spoiler Alert

Parto con la premessa che Elle, non è stato un film semplice da recensire (se mai ci siano film semplici da recensire), per via dei suoi molteplici caratteri da analizzare. Una cosa è certa però, Paul Verhoeven ha diretto questo film in maniera geniale, è riuscito a sfornare un genere thriller a tratti comico e a tratti grottesco che ti tiene incollato allo schermo. Ha creato un vero e proprio capolavoro che tratta temi attuali, come la violenza sessuale, i tradimenti, e l'omosessualità, tutti racchiusi in una singolare protagonista: Michéle (interpretata da una grandiosa Isabelle Huppert), una donna in carriera, a capo di una casa di produzione di videogiochi, separata e amante del marito della socia, nonché migliore amica.

Con un passato orribile alle spalle. Salta subito all'occhio la sua capacità di controllare gli uomini, di renderli vulnerabili, quasi fosse una dominatrice. Il regista, a mio parere, ha volutamente sminuito le figure maschili (l'ex marito scrittore fallito, il figlio cameriere in un fast food) per fare emergere il carattere forte e autoritario della protagonista: il film inizia con uno stupro avvenuto in casa sua, che lei metabolizza, come se non fosse successo nulla, infatti già dai primissimi minuti questo film appare insolito.

Ma analizzando anche il resto dei personaggi, troviamo del surreale anche in loro: abbiamo un vicino completamente ammaliato da lei, una madre ringalluzzita, con un amante che avrà la metà dei suoi anni, un figlio senza arte ne parte, totalmente rigirato dalla compagna, un ex marito che prima di rifarsi una vita, deve rendere conto alla ex moglie... insomma, un'allegra combriccola che non smetterà di regalarci sorprese. Non mi dilungherò di più, voglio solo dire che questa pellicola vale davvero la pena di vederla, per il suo temperamento anticonformista e fuori dal comune!

Immagini © Lucy Red

Il voto di Maura

6/10

Dai un'occhiata alla classifica del CFC per scoprire la nostra Top TEN!

Leggi le altre recensioni del Club


Giugno 24, 2019

ROMA è fotografia e regia.

Maggio 20, 2020

Piccole Donne: ancora grazie Jo March per la tua lezione di vita

Luglio 16, 2020

7 sconosciuti a El Royale: come partire a razzo e finire a…

Giugno 15, 2019
animali-notturni

Animali Notturni è un film per insonni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *